Canoa & Kayak

la comunità virtuale dei canoisti italiani

fiume Sesia:Mollia - Piode


regione Piemonte (VC)

Bellissimo tratto di acqua selvaggia, di difficoltà non esasperate. Le rapide, pur non difficilissime, si susseguono molto ravvicinate, il che rende il tratto molto continuo e divertente.

  • aggiornato al
    2015-08-27
  • grado
    III+IV(V)
  • distanza
    6 Km
  • tempo previsto
    2 Ore
  • pendenza
     
  • stelle WildWater
    3_stellaww.gif
  • portata
    25 mc/sec
  • stelle paesaggio
    3_stella.gif
  • temperatura acqua
    fredda
  • qualita' acqua
    ottima
  • periodo migliore
    tarda primavera (disgelo)
  • livello
     
  • fiumi vicini
    Sermenza; Sorba; Gronda
  • imbarcazioni
    Kayak | Canoe chiuse |

imbarco
A valle di Mollia, dopo le 'Stufe di Mollia', segnalato sulla strada, riva sx
sbarco
In paese a Piode, prima del salto sotto al ponte, riva sx
assistenza da riva
Sempre possibile
attenzione
Tubi sifonanti da trasbordare a monte di Campertogno.
Impraticabile da trasbordare sotto al ponte per Rassa
Salto facoltativo allo sbarco a Piode.


descrizione
Questo tratto si può fare in concomitanza col tratto superiore o con quello inferiore, o se siete in forma con tutti e 2.

Tipicamente ci si imbarca su questo tratto quando il livello dell’acqua (alto) rende il tratto superiore troppo difficile. L’imbarco avviene a valle dell’ultima soglia ( salto di un paio di metri con forte ritorno ) e rappresenta il passaggio finale della rapida comunemente chiamata “Stufe di Mollia” di 6° o impraticabile con livelli alti..


[Rapida di Mollia WW 6°]

La prima rapida che si affronta è di 4°, lunga circa 150m e ben articolata senza grossi pericoli. La bellezza di questa rapida sta nel farla disegnando un bel percorso di slalom tra i massi presenti.

Fate solo attenzione al grosso sasso posto sulla Sx quasi al termine della rapida, poiché un po’ nicchiato.

Il tratto resta sempre su difficoltà prossime al 4°-, ma fate attenzione poiché non di rado vengono effettuati lavori in alveo con ruspe e quindi alcuni punti risultano essere “sporchi” anche con livelli d’acqua buoni.

Appena a monte del paese di Campertogno, nel luglio 2008 era presente un guado con tubi di enormi dimensioni che costituivano dei sifoni. In ogni caso il guado era ben visibile poiché formava un piccolo bacino, dove il trasbordo era molto semplice.

Successivamente appena a monte del ponte di Campertogno, bella rapida di 4° senza pericoli seguita dalla lunga rapida 4°inf. che costeggia tutto il campeggio dove è presente la scuola di canoa Eddyline ( buon punto per avere informazioni ).


[Rapida di Campertogno]

In caso di livelli bassi, il tratto successivo risulta essere noioso e con qualche raschiera, quindi consiglio lo sbarco al termine della rapida del campeggio o quella successiva, risalendo poi a piedi fino alla scuola di canoa.

In caso di livelli medi o alti il tratto successivo risulta essere ancora bello con difficoltà prossime al 3° .

Ad un certo punto il torrente si divide e si dovrà navigare il tratto di Dx poiché appena prima della ponte vi è lo sbarco più comodo per trasbordare l’impraticabile di Rassa. Sbarco a Dx su grosse placche dove in caso di fortuna, vedrete anche qualche bel topless. Attraversate il ponte ed imbarcarsi sul lato Sx ( cercare il sentiero che scende rende agevole il raggiungimento del letto del torrente. L’imbarco è successivo ad un passaggio di 4° che trasbordando in altro modo l’impraticabile, potrebbe essere fatto previa ispezione ( passaggio con nicchia ). Personalmente credo che il gioco non valga la candela.
Il tratto ha ancora qualche passaggio, non degno di note particolari e finalmente si giunge al salto di 6 m sotto il ponte di Piode 5°.


[Salto di Piode visto da sopra]

Possibilità di sbarcare sulla riva sinistra a monte del salto.
Indicazioni per chi invece desiderasse cimentarsi col salto:
Guardate dal ponte: il fiume si divide in 2 rami. Quello di sinistra è ASSOLUTAMENTE IMPRATICABILE.
Quello di destra si divide in diverse lingue. Quelle all'estrema dx e al centro sono pure impraticabili. La lingua buona è quella più a sinistra nel ramo di destra.
Una volta imboccata la lingua giusta, il fiume fa tutto, e il salto non è difficile. Non c'è ritorno alla base, l'acqua sotto è molto aerata.
Attenzione ai punti di riferimento per imboccare la lingua giusta!!!!!
Infine, dopo il salto, soglia a ferro di cavallo in centro al fiume con ritorno che può tenere. A dx o sx si passa tranquilli.


[Salto di Piode]
 
Hanno contribuito a questo report:
Carletto Cereda stefano Stefano Mozzali 
 

Stampa printable

ricerca fiumi

fiumi per regione

TI RICORDIAMO CHE:
1- I fiumi vanno discesi con attrezzature e abbigliamento adatto al tipo di percorso affrontato.
2- Per discendere i fiumi bisogna frequentare dei corsi di canoa tenuti da personale qualificato.
3- I principianti durante le discese devono essere affiancati e consigliati da guide esperte.
4- Una discesa non si effettua mai in solitaria, il numero minimo dei partecipanti può variare a seconda della preparazione dei canoisti e delle difficoltà che si possono incontrare.